Famiglia Crespi
(Bologna, metà e oltre del XVIII secolo)

Due pastorelle

Olio su tela, cm 94 x 129


Ciarle tra compagne, a ingannare il tempo, forse si parla alle spalle di chi sopraggiunge con un orciolo in testa, a dare il cambio alla mungitura. Un nuovo amore, un bisticcio; non meritano la nostra attenzione. E così chi è ritratta si gira di spalle, col profilo che sfugge. Come se chi dipinge volesse dirci che basta la qualità della pittura, non cosa raffigura. Siamo sul finire della vita, e Crespi chiama in soccorso le forze della sua Famiglia. Così, la stessa pastorella al centro della tela torna altre volte, come nel quadro oggi a Budapest (fig. 10).


Fig. 10: Giuseppe Maria Crespi, Famiglia di contadini. Budapest, Szépművészeti Múzeum, © 2017.