Concorso di idee


Le visite guidate all’interno di Palazzo Magnani per visitare la Quadreria e le opere custodite in essa, saranno tenute da studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Bologna. Sarà infatti stretto un accordo tra Fondazione e Università e gli studenti riceveranno la formazione necessaria per condurre le visite. Gli studenti potranno partecipare a un bando di idee organizzato e promosso dalla Fondazione del Monte e Banca Unicredit che hanno concluso un accordo volto alla valorizzazione della Quadreria di Palazzo Magnani a Bologna costituita da opere d’arte antica e moderna di maestri di prima grandezza che vanno dal XVI secolo ai giorni nostri (Dosso Dossi, Ludovico Carracci, Guercino, Domenico Maria Canuti, Filippo de Pisis, Giorgio Morandi …).L’accordo prevede che la valorizzazione della Quadreria, o di singole Opere, venga realizzata grazie ad attività di studio, ricerca, didattiche e di comunicazione mediante mostre, esposizioni, visite guidate ed altro. In questo contesto una particolare attenzione viene data alla promozione di iniziative volte a fare conoscere il patrimonio artistico di palazzo Magnani anche alle fasce di pubblico più giovani.Al fine di assicurare un’efficace realizzazione dell’accordo, UniCredit e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna hanno istituito un proprio Comitato di coordinamento che ha curato lo sviluppo del concorso. Il concorso di idee a premi è finalizzato alla promozione della conoscenza del patrimonio artistico di Palazzo Magnani ed alla valorizzazione della Quadreria, con particolare riferimento al pubblico dei giovani. A partecipanti viene richiesto di presentare un progetto innovativo di sviluppo che abbia ad oggetto:
– la comunicazione e la diffusione delle opere, dei contenuti e della storia del patrimonio artistico di Palazzo Magnani; l’ideazione e realizzazione di strumenti innovativi di marketing culturale, anche non convenzionale;

– la sperimentazione di nuove modalità di comunicazione online o digitale in grado di raggiungere i target di pubblico più giovani;

– l’ideazione e realizzazione di strumenti per una migliore valorizzazione e fruizione dei beni culturali anche utilizzando tecnologie innovative, di realtà virtuale e realtà aumentata, o tecnologie di prossimità, in grado di documentare e raccontare storie in modo coinvolgente ed emozionante e favorire nel pubblico un approccio cognitivo-immersivo;

-la realizzazione di attività ed eventi a tema.