Un nuovo capolavoro di Palmezzano

Dal 2 maggio il percorso espositivo della Quadreria  si arricchisce di un altro capolavoro realizzato da uno dei padri della scuola rinascimentale forlivese di pittura: Marco Palmezzano.

Si tratta de la Sacra Famiglia con San Giovannino e Santa Caterina d’Alessandria, opera concessa temporaneamente alla Quadreria dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. L’occasione di questa collaborazione con la Fondazione forlivese nasce dal prestito del dipinto di Lorenzo Sabatini, Giuditta con la testa di Oloferne della Collezione d’Arte UniCredit, richiesto per la mostra “L’eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio. Storia, natura e pietà”, in corso a Forlì fino al 17 giugno, presso i Musei di San Domenico.

La Sacra Famiglia con San Giovannino e Santa Caterina d’Alessandria, tempera su tavola realizzata tra il 1529 e il 1533 dall’artista che con la sua straordinaria produzione ha scritto la storia della pittura in Romagna tra Quattrocento e Cinquecento. Il dipinto trova spazio accanto al quadro di Marco Palmezzano della collezione UniCredit, già presente in Quadreria, il San Sebastiano.

L’opera sarà presentata al pubblico a Palazzo Magnani mercoledì 2 maggio, alle 18.30, dal curatore Marco Riccòmini che sottolinea: “L’occasione dello scambio di dipinti coi Musei di San Domenico di Forlì offre al pubblico di Palazzo Magnani l’opportunità di vedere da vicino due tavole del maestro forlivese Marco Palmezzano. Il confronto tra le due opere permette una serie di considerazioni sull’arte del pittore, le sue scelte stilistiche e iconografiche e, più in generale, sulla poetica in quel tempo nelle Romagne”.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto artistico curato da Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e UniCredit. Un’intesa volta a promuovere Palazzo Magnani come rinnovato luogo di cultura e a confermare il forte impegno della Banca e della Fondazione nella valorizzazione del patrimonio artistico del territorio.

Sarà possibile ammirare l’opera, fino al 17 giugno secondo le consuete modalità di visita.